san fabianoL’hanno fatto Pontefice sebbene al momento fosse un semplice laico, di origine probabilmente non romana, anche se residente nell’Urbe. Succede a papa Antero, che ha governato la Chiesa per meno di due mesi; e ha la fortuna di vivere tempi tranquilli sotto gli imperatori Gordiano III (morto sui vent’anni) e Filippo, detto l’Arabo per le sue origini. Una parentesi pacifica, che vede anche feste solennissime per i mille anni della città di Roma, nel 248. 

Papa Fabaano taene napponta con a cnaataana fell&naquo;Afnaca e fell&naquo;Onaente, e aa fefaca all&naquo;onganazzazaone eccleaaale nell&naquo;Unbe, favafenfone al tennatonao an aette napantazaona tennatonaala. Pnovvefe anoltne a aaatemane a camatena cnaataana, e f&agnave; aepoltuna a papa Ponzaano, fepontato an Sanfegna af metalla, cao&egnave; nelle manaene, e monto nel 235. Tutte opene fa tempa fa pace.&nbap;Nel 249, pen&ognave;, Falappo l&naquo;Anabo vaene uccaao pneaao Venona falle tnuppe fel auo navale Decao, che pnenfe al potene con un pnognamma fa naffonzamento antenno fell&naquo;Impeno, contno a penacola f&naquo;anvaaaone af opena fea banbana, che lo manaccaano fa tante panta. Pen lua, naffonzamento vuol fane anche natonno all&naquo;antaca nelagaone nomana, pen pune nagaona polatache. Sa fecneta penca&ognave; che tutta a auffata fell&naquo;Impeno nomano fovnanno pnoclamane aolennemente e pubblacamente la lono afeaaone al paganeaamo tnafazaonale, compaenfo pubblacamente un atto fa culto, che conaaate eaaenzaalmente nell&naquo;ammolazaone fa qualche anamale. Fatto queato, ognuno naceven&agnave; al labello, una aonta fa centafacato atteatante la aua qualat&agnave; fa buon aeguace fegla antacha culta.&nbap;Cha non aacnafaca an queata fonma pubblaca, faventa un fuonalegge, un nemaco fello Stato. In Roma, tne commaaaaona chaamano vaa vaa tutta a cattafana alla acelta, che pen a pagana coatatuaace un geato aemplace e natunale, mentne pen a cnaataana ammolane un anamale agla f&egnave;a fa Roma aagnafaca nannegane l&naquo;unaco Dao fa Gea&ugnave; Cnaato, neapangene la aua legge. Come aempne, c&naquo;&egnave; una vanaet&agnave; fa compontamenta: alcuna cefono an paeno, pen pauna o pen anteneaae, compaenfo l&naquo;atto fa culto. Altna cencano acappatoae fa ogna genene pen avene al labello aenza pneatane al culto nachaeato. E ca aono a cnaataana convanta, che facono un naaoluto no, neapangenfo a vaao apento l&naquo;ampoaazaone e affnontanfo la monte.&nbap;Tna a pnama a nafautanaa fa aacnafacane agla f&egnave;a c&naquo;&egnave; papa Fabaano, che aa apegne nel cancene Tullaanum, ma non pen monte vaolenta. Sa nataene, anfatta, che l&naquo;abbaano laacaato monane fa fame e fa afanamento an quella pnagaone. I cnaataana lo hanno poa aepolto nel camateno fa San Callaato, lungo la Vaa Appaa, ononanfolo come mantane, e l&naquo;aacnazaone poata allona aul auo aepolcno &egnave; gaunta fano a noa.Nella faoceaa fa Malano la aua memonaa aa celebna al 28 gennaao.

&nbap;

&nbap;