Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 206

Comune di Caserta, consegnata la "Cittadinanza Benemerita" alla signora Vittoria  Michitto Leone |

Il sindaco di Caserta Carlo Marino ed il consigliere Gianluca Iannucci, in rappresentanza dell’intero Consiglio comunale, hanno consegnato questa mattina a Roma la “Cittadinanza Benemerita” alla signora Vittoria Michitto, vedova dell’ex presidente della Repubblica Giovanni Leone, nata nel capoluogo di Terra di Lavoro il 15 luglio del 1928.

“Ciò nel ricordo – spiega il sindaco – di una presenza di elevato profilo umano e sociale a fianco del Capo dello Stato, nel ruolo di first lady amata e rispettata, il cui fascino nonostante il trascorrere degli anni si è rafforzato nell’immaginario collettivo della gente, a Caserta e non solo”.Il conferimento della “Cittadinanza Benemerita” a Donna Vittoria Michitto è stato approvato con Deliberazione di Consiglio comunale n.19 del 13 aprile 2021 per aver dato un notevole impulso, in un particolare momento storico-sociale, nel suo ruolo sempre molto partecipato, di consorte dell'avvocato Giovanni Leone, già presidente della Repubblica, ad una "rivoluzione culturale" ed al "ripensamento dell'identità femminile" attraverso il suo impegno istituzionale in attività sociali e di volontariato contribuendo, dunque, a diffondere nel mondo l'inedita immagine della donna nella sua nuova veste autonoma, indipendente e riconoscibile che trova nella "relazionalità sociale" il suo punto di forza e di vittoria. Sulla pergamena consegnata dal sindaco Marino e dal consigliere Iannucci si legge: “La natia Caserta, con voto unanime, conferisce la Cittadinanza benemerita a Donna Vittoria Michitto Leone, riconosciuta e ineguagliata First Lady italiana che, con il suo fascino, la fine intelligenza e la dolcezza dei modi, racchiudendo in sé al massimo grado le qualità più significative della donna italiana apprezzate nel mondo, affiancando costantemente il marito onorevole Giovanni Leone, presidente della Repubblica, ha dato lustro allo Stato italiano, alla famiglia e alla città d'origine cui ha sempre dedicato attenzione, cura e solerte generosità, orgogliosa di esserne figlia”. Donna Vittoria Michitto nasce il 15 luglio 1928 a Caserta da famiglia di lontana origine inglese: il trisavolo, architetto botanico, giunse nella nostra città per progettare i giardini all'inglese della Reggia borbonica. Nel 15 luglio del 1946, nel giorno del suo diciottesimo compleanno, si sposa con l’allora professore universitario Giovanni Leone, conosciuto appena l’anno precedente. Nel 1963 con il marito, appena divenuto presidente del Consiglio, accolse il presidente degli Stati Uniti John Kennedy e accompagnò suo marito in numerose visite di Stato incontrando, tra gli altri, Gerald Ford, Leonid Brežnev, Georges Pompidou, Juan Domingo Perón, lo scià Reza Pahlavi, il re Baldovino del Belgio. Nel ruolo di first lady di Giovanni Leone, eletto presidente della Repubblica, fu ammirata per la sua eleganza che, unita alla sua semplicità adornata di fine intelligenza e di una innata tenacia, ha saputo essere da esempio per un’intera generazione di donne. Il fascino e le notevoli capacità relazionali di Donna Vittoria Michitto hanno dato lustro alla città di Caserta che le ha dato i natali ed all’intera comunità casertana della quale, in più occasioni, ha sempre orgogliosamente tessuto le lodi e promosso per le sue doti di generosità, laboriosità e gentilezza, essendo peraltro caratterizzata da una passione per la cultura e per la valorizzazione delle proprie tradizioni e ricchezze territoriali. “Sono onorato ed emozionato di poter consegnare di persona questo riconoscimento ad una donna speciale, ancor di più in un giorno così importante, il 15 luglio, che coincide con il suo compleanno e con il giorno del matrimonio con l’indimenticato Giovanni Leone”, ha detto il sindaco Marino. Il sindaco ed il consigliere hanno anche consegnato in dono a Donna Vittoria Michitto un piccolo manufatto in seta di San Leucio ed una scultura in bronzo, realizzata per l’occasione dall'artista don Battista Marello, nella quale sono raffigurate le cornucopie dello stemma della città ed il giglio borbonico.

Autenticati