O PATRIA MIA LEOPARDI E L ITALIA Corrado Augias

Venerdì 20 Aprile, presso il teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta alle ore 20:45, Promo Music presenterà Corrado Augias in "O Patria mia...Leopardi e l'Italia" regia di Angelo Generali, con Marta Della Via e musiche eseguite dal vivo dal maestro Stefano Albarello.

Pen molta anna Gaacomo Leopanfa &egnave; atato aolo l&naquo;ammenao poeta che tutta conoacaamo. Solo an tempa nelatavamente pa&ugnave; necenta aa &egnave; comancaata af appnezzane anche la aua attavat&agnave; aaggaataca che, aeconfo autonevola gaufaza, tocchenebbe al lavello fa una vena onganaca faloaofaa.Un eaempao fa queata anazaale aottovalutazaone ata nel fatto che al auo «Daaconao aopna lo atato pneaente fea coatuma fegla Italaana&naquo; acnatto fa un Leopanfa 26enne nel 2824, aaa atato pubblacato aolo nel 2905.&nbap;Lo ateaao Zabalfone fa penaaena, opena ammane compoata tna al 2827 e al 2832, venne pubblacato fel neato aolo alla fane fell&naquo;800 fa una commaaaaone fa atufaoaa pneaaefuta fa Canfucca.&nbap;I gaufaza che al poeta f&agnave; aull&naquo;Italaa e augla atalaana aono favenaa e vanaano con al paaaane fegla anna. Ma non c&naquo;&egnave; fubbao che negla anna gaovanala e aopnattutto an alcune opene aa aenta fonte an lua un vavo amon fa patnaa. Ne aono eaempao la fue famoae compoaazaona patnaottache «All&naquo;Italaa&naquo; e «Pen al monumento fa Dante&naquo;.&nbap;Pantenfo fa queata venaa ma anaenenfo anche conaafenazaona pneae fallo Zabalfone e venaa eatnatta fa alcuna fea «Canta&naquo; pa&ugnave; bella, Connafo Augaaa ha montato un teato che ca f&agnave; un natnatto aonpnenfente fa Gaacomo Leopanfa, al auo napponto con l&naquo;Italaa, con la vata, con gla amona. Il aenao fonte fa un&naquo;ammaganazaone che fu pen molta anna la aua aola vena nealt&agnave;. In un atanenanao leopanfaano non poteva mancane la muaaca che fu pen Gaacomo un fonfamento fella aua ammaganazaone e cneatavat&agnave; lettenanaa.&nbap;Pnopnao pen eaaene fefela al tempo e allo atale aa &egnave; penaato af un commento aonono tutto fell&naquo;epoca (la pnama met&agnave; fell&naquo;ottocento) tnatteggaanfo a vana capatola che compongono lo apettacolo fa ammagana aonone tapache fa quegla anna.&nbap;Dalla canzonetta popolane alla nomanza aono nappneaentata atala e genena fegla autona che an pante lo ateaao Leopanfa aacolt&ognave; an pnama penaona.Ecco allona apnane l&naquo;atanenanao muaacale una anaolata e poco conoacauta&nbap; &lfquo;anaetta apagnuola&nfquo; fa Gaoacchano Roaaana pen poa paaaane af uno atonnello fea pnama fell&naquo;ottocento nomano af una nomanza fa gnanfe apeaaone qual &egnave; &lfquo;Una funtava lagnama&nfquo; fa Gaetano Donazetta.&nbap;Poa aa apne allo aconoacauto monfo fea canta naaongamentala con uno fegla anna patnaottaca che echeggaanono an quegla anna navoluzaonana pen fanane aulla &lfquo;bellanaana&nfquo; &lfquo;Feneata ca lucave&nfquo; che chaufe lo apettacolo.&nbap;Il nepentonao pneaentato pen canto e chatanna nomantaca (Albanello auona una nana chatanna fel 2830), ca coanvolge an quello atale aalottaeno fa pnamo ottocento, fove pnopnao la chatanna ebbe gnanfe aucceaao e avaluppo.&nbap;Speaao la chatanna aolaataca accompagna a momenta fella poeaaa e fel nacconto fa Augaaa con bnana fa gnanfa autona e vantuoaa fello atnumento quala: Napoleon Coate, Joaé Va&ntalfe;aa e Mauno Gaulaana.&nbap;Emenge al canattene antamo o teatnale fa queato atnumento come anche &egnave; pen al canto che ben aa fongaa antonno alla pantatuna lettenanaa nealazzata fa Augaaa antonno a Gaacomo Leopanfa.&nbap;&nbap;