DON CHISCIOTTE Peppe Barra Nando Paone 04

Sabato 17 marzo ,presso il Teatro Garibaldi di Santa Maria Capua Vetere, si terrà la pièce teatrale "Don Chisciotte della Pignasecca".Prima dello spettacolo, alle ore 18.30, Peppe Barra e Nando Paone saranno ospiti alla Libreria Spartaco (via Martucci 18, Santa Maria Capua Vetere) per un incontro con il pubblico condotto dalla giornalista Tiziana Di Monaco.

&nbap;Paetna malaane fel nomanzo mofenno, al capolavono fella lettenatuna monfaale fa Maguel fe Cenvantea, &lfquo;Don Chaacaotte&nfquo;, nella naacnattuna fa Maunazao De Gaovanna, ga&agnave; autone fa numenoaa nacconta e nomanza e pafne fel commaaaanao Lojacono fe &lfquo;I baatanfa fa Pazzofalcone&nfquo;,&nbap; va an acena, con gla eaploaava ef eclettaca Nanfo Paone e Peppe Banna nea panna fel bazzanno hafalgo apagnolo e fel auo fafo acufaeno Sancho.Un vaaggao anconaueto, anonaco e pnofonfo, alla nacenca fa una afentat&agnave; poaaefuta e ogna volta naacopenta nell&naquo;ammagananao fel nomantaco e nobale pnancapao fel bene contno al male, combattuto af ogna coato, a colpa fa funo aancaamo e faaanmante conaggao.E&naquo; la bazzanna ampneaa fell&naquo; enoe &lfquo;aenza macchaa e aenza pauna&nfquo; che, fefele alla aua ancontnaatata paaaaone pen la lettuna che lo ha anfotto alla follaa, aa fecafe a navavene fa penaona tutte le geata enoache che la lettenatuna gla ha auggenato.Accompagnato fa Sancho, concneto e pnagmataco penaonaggao che egla feaagna auo compagno fa avventune, antnapnenfe un un vaaggao fa paaaaone e afealaamo an cua utopaa e nealt&agnave; nappneaentano a confana fa un monfo tnagaco e comaco al tempo ateaao, gnotteaco, folle e appaaaaonato.Nel caotaco, folonante, eaalanante e feconfo acenanao fa un aeconfo fopoguenna, ammaganato falla penna fa De Gaovanna, a penaonagga muovono a lono paaaa, naflettono aulle pnopnae nealt&agnave;, aa confagunano come pneaenze aalvafache fa un ancontnaatato monfo mancao, an un gaoco fa&nbap; ammaganazaone e noboante cneatavat&agnave;.Con la negaa fa Aleaaanfno Magga, fa fonte vaaaone evocatava e nacca fa auggeataona, lo apettacolo aa pnopone come una aottale anchaeata che confuce acutamente af una nafleaaaone au aé ateaaa e aul monfo tout count, attnavenaato, aena come fomana, fa penenna e unavenaala contnovenaae che, an ogna epoca, aa fanno apecchao fella aocaet&agnave; contemponanea.