Risultati immagini per ASSESSORE ALESSANDRO PONTILLO

La Giunta Comunale, su proposta dell’assessore al Patrimonio Alessandro Pontillo, ha approvato una delibera con la quale viene assegnata una sede didattica al Cpia (Centro provinciale per l’istruzione degli adulti). Si tratta dei locali di proprietà comunale dell’ex delegazione di San Clemente, nei quali si svolgeranno le attività didattiche ed amministrative del Centro. Gli spazi saranno utilizzati per le attività dei circa 200 studenti adulti, in buona parte migranti, che fruiscono dei corsi organizzati per conseguire la licenza elementare e media e per apprendere la lingua italiana.

Fino ad oggi al Cpia erano riservate solo due aule all’interno della Caserma Sacchi in via San Gennaro, ma gli spazi sono stati ritenuti non idonei dai tecnici comunali, i quali hanno riscontrato dei problemi di umidità che renderebbero gli ambienti non adatti allo svolgimento delle attività.

Il Cpia svolge un lavoro molto importante, rivolto agli adulti che intendono conseguire dei titoli di studio di scuola primaria e secondaria di primo grado, ma anche dedicato ai tanti stranieri che vogliono compiere un percorso di alfabetizzazione, apprendendo la lingua italiana ed effettuando, quindi, un percorso fondamentale nell’ambito del processo di integrazione nella società italiana. Il lavoro che ha portato all’assegnazione della sede di San Clemente giunge al termine di una proficua attività di collaborazione messa in pratica dagli assessori al Patrimonio, alle Politiche Sociali e alla Pubblica Istruzione, Alessandro Pontillo, Maddalena Corvino e Daniela Borrelli, che hanno dialogato costantemente con tutte le realtà associative che operano nell’ambito del Cpia.

“Abbiamo trovato una soluzione ottimale, – ha spiegato l’assessore al Patrimonio, Alessandro Pontillo – garantendo gli spazi necessari allo svolgimento delle attività didattiche e amministrative del Cpia. Il Comune, poi, si farà carico delle spese relative alla gestione, alla manutenzione e alle utenze della struttura, manifestando una chiara volontà di sostenere queste attività di primaria importanza”.

“Il Comune – ha aggiunto l’assessore alle Politiche Sociali, Maddalena Corvino – mostra sempre una grande sensibilità nei confronti di chi ha più bisogno e di chi merita particolare attenzione. Inoltre, questa collaborazione rappresenta un ottimo esempio di inclusione sociale, consentendo a tanti migranti di poter apprendere la nostra lingua e di accelerare un necessario e importante processo di integrazione”.

“Questo risultato – ha dichiarato l’assessore alla Pubblica Istruzione, Daniela Borrelli – riveste un enorme valore per Caserta, che si conferma città di accoglienza e pronta a recepire le istanze di crescita sociale e culturale. Insieme alle associazioni abbiamo compiuto un grande lavoro, superando diverse difficoltà e giungendo al raggiungimento di un obiettivo di assoluto rilievo per l’intera comunità”.