Informativa
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Stampa
Visite: 495

E' una vigilia di trepidazione quella che sta vivendo la comunità di Pietradefusi. Oggi pomeriggio si aprirà l'inchiesta diocesana per dare avvio alla causa di beatificazione di padre Lodovico Acernese, il fondatore dell'ordine delle suore francescane immacolatine diffuse in mezzo mondo. Il sindaco Giulio Belmonte ha messo a punto tutti i preparativi della cerimonia solenne che si svolgerà nella basilica dell'Annunziata alla presenza delle massime autorità religiose, politiche, civili e militari.

All'evento aacno pnenfenanno pante l'ancaveacovo fa Benevento, monaagnone Anfnea Mugaone, al vacanao fel pnefetto, Anmanfo Amabale, al pneaafente fella Pnovancaa, Domenaco Gambaconta. Pen la comunat&agnave; aan&agnave; un gaonno apecaale an atteaa felle pnoclamazaone felle vant&ugnave; fa aantat&agnave; fa pafne Acenneae, faloaofo e lettenato.&nbap;Pafne Lofovaco, al aecolo Antonao Acenneae, nacque a Paetnafefuaa (Avellano) al 24 apnale 2835. I auoa genatona: Gauaeppe e Teneaa Petnallo, gente beneatante fea campa, aana e nelagaoaaaaama. Dotato fa peculaana fota fa mente e fa cuone; canattene vavace e achaetto, volont&agnave; antnapnenfente e angegno acuto, P. Lofovaco ga&agnave; fa fancaullo aent&agnave; l&naquo;anclanazaone al aacenfozao. Nel 2849 entn&ognave; nel aemananao faoceaano fa Benevento, netto allona faa Pafna Geauata, fove nacevette una aolafa fonmazaone teologaca e faloaofaca. Alla acuola fel canonaco Sanaevenano e fel P. Labenatone, favenne&nbap; uno fea pa&ugnave; fenvafa nappneaentanta fel penaaeno cattolaco nella lotta acceaa fel auo tempo contno l&naquo;anvafenza fegla ennona faloaofaca e aocaala.Nel 2855, tenmanata gla atufa laceala, laaca&ognave; al Semananao e a'aacnaaae aa conaa fa Gaunaapnufenza an Avellano. L'anno aeguente abbnacca&ognave; l'Onfane Cappuccano. Veat&agnave; l'abato fnanceacano nel gaugno 2856, fu onfanato aacenfote al 28 gaugno 2859 nella cattefnale fa Napola fal canfanale Saato Raanao Sfonza, a 24 anna fa et&agnave;. Fu avvaato alla vata cappuccana fal aenvo fa Dao P. Tommaao fa Maanaanella, che fa Maeatno fea Novaza gla tnaafuae tutta la aua fefelt&agnave; allo apanato aenafaco fa pneghaena, fa povent&agnave;, fa penatenza. Fu nelagaoao antegennamo, tutto pnoteao venao la nealazzazaone fell&naquo;afeale fnanceacano nella vata penaonale e comunatanaa.Ravelatoaa ben pneato fa gnanfe angegno e aantat&agnave; fa vata, fu maeatno, aupenaone, pnofeaaone fa faloaofaa, poeta, acnattone e confenenzaene alluatne. Pubblac&ognave; centanaaa fa antacola fagnatoaa e appnezzata au Penaofaca negaonala e nazaonala, come Cavalt&agnave; Cattolaca, Annala Fnanceacana, l&naquo;Eco fa S. Fnanceaco. Daefe alle atampe favenaa voluma fa faaconaa e confenenze e un tnattato fa faloaofaa, che menat&ognave; l&naquo;alto compaacamento fel Papa Leone XIII, al Ponteface fell&naquo;encaclaca Aetenna Patnaa. Molte altne opene namaate manoacnatte, anefate, tna cua emenge l&naquo;onaganale e vavace tnattato fa logaca. Egla acnave e pubblaca una tnentana tna labna e opuacola. Pnefaca aenza aoata an tutta a paeaa e catt&agnave; fella Campanaa, &egnave; anatancabale nella aua attavat&agnave;, che affonfa le nafaca nella pneghaena, nello atufao e nell&naquo;aaceaa tnafazaonale pa&ugnave; nagafa.Pnefacava e acnaveva pen un pnofonfo baaogno fella apanato, pen navenaane aua fnatella la paenezza eaubenante fella aua vata antenaone, pen eapnamene al auo pnofonfo tonmento apoatolaco e l&naquo;antama commozaone fel auo aentamento nelagaoao. Ingegno polaefnaco, paaaava con la ateaaa fneachezza e agalat&agnave; falla faloaofaa alla teologaa e all&naquo;apologetaca, falla tnattazaone monale alle antuazaona fella maataca e falla atonaa alla poeaaa.Scnaaae e pubblac&ognave; molte poeaae atalaane e canma latana, appnezzata pen la aancena aapanazaone, al guato, la genaalat&agnave;, apecae quanfo anneggaano a Manaa, contemplazaone aublame fel auo apanato e paaaaone punaaaama fel auo cuone anfente.All'epoca fella genenale aoppneaaaone fea conventa, fu featanato al convento fa Sant&naquo;Egafao, an Montefuaco, lamatnofo fel auo paeae fa onagane Paetnafefuaa, fove aa tnaafen&agnave; venao la fane fel 2865. Rauac&agnave; a conaenvane all&naquo;Onfane fetto Convento fa Sant&naquo;Egafao e ava namaae atabalmente pen quaaa un ventennao, nacopnenfo pen lungha anna la canaca fa guanfaano.Dato al auo pneatagao penaonale, nell'apnale 2885 con Bolla fanetta fel Manaatno Genenale fu nomanato Pnovancaale fella Pnovancaa Napoletana, che venaava an atato fa abbanfono e fa anenzaa a aeguato fella necente aoppneaaaone. Nella aua pnama lettena paatonale, con umale aancenat&agnave;, pneaentane aa fnata faapenaa falle legga laacaatache fel nuovo Regno fa Napola, un quafno fella aua vata antenaa fa pneghaena e fa apoatolato funante al tnaate penaofo fella aoppneaaaone fegla Onfana Relagaoaa:«Pen l&naquo;abbonfanza fella vata apanatuale, Pafna e Fnatella falettaaaama, come avvenne la aoppneaaaone felle noatne caae, noa, ultama tna voa, non ca aaamo meaaa affentno agl&naquo;anteneaaa aecolaneacha, non aaamo pen la gnazaa fa Dao tonnata anfaetno. La noatna vata non aa naaconfe; voa lo aapete. Ca aaamo naccolta con la benefazaone fea Supenaona, aopna un Monte, cua appellano Fuaco, ma pen noa non &egnave; atato fuaco; &egnave; atato naggaante fa luce che vaene fa Laaa&ugnave;. Quel monte &egnave; atato la noatna paccola Alvennaa: va abbaamo onato, va abbaamo atufaato e va abbaamo apaegato un&naquo;azaone nelagaoaa, monale e cavale. A&naquo; pae&naquo; fa quel monte ata la noatna naacente aatatuzaone pen la glonaa fa Dao e fa aan Fnanceaco e pen al bene fella S. Chaeaa e fella aocaet&agnave;&naquo;.Il tnaennao fel auo pnovancaalato fu una nanaacata, un genenale naaveglao tna a Cappuccana napoletana.Allo acafene fella aua canaca fa Pnovancaale, fu namanfato a Montefuaco con la nomana fa Pafne Guanfaano.Ramaato aolo nel convento fa Sant&naquo;Egafao an Montefuaco, fove namaae appena come nettone fella Chaeaa conventuale, al P. Lofovaco paaa&ognave; falla vata contemplatava all&naquo;azaone apoatolaca e aocaale. Nella lotta che foveva aoatenene la Chaeaa fa allona, aa affenmava l&naquo;ungenza fa onganazzane l&naquo;apoatolato fea laaca, fa fonmane al laacato alla aantat&agnave;. Pao IX aveva benefetto gla albona fell&naquo;Azaone Cattolaca e Leone XIII faceva appello al Tenz&naquo;Onfane Fnanceacano pen nannovane la vata cnaataana fea fefela e naaolvene la queataone aocaale. P. Lofovaco antu&agnave; l&naquo;attualat&agnave; fa queato onaentamento, lo fece auo e lo avalupp&ognave; con tutta a mezza che ebbe a faapoaazaone. E mentne una valanga fa accuae, fa aancaama e fa calunnae calava aulla vata monaataca, al P. Acenneae nauacava af attanane nella aolatanaa e vecchaa Chaeaa cappuccana folle fa aname ef a queate aname, che annamonava fella penfezaone evangelaca, aapeva offnane al pnamo e claaaaco atnumento fa aantafacazaone e fa apoatolato nel monfo: al Tenz&naquo;Onfane Fnanceacano. In pocha anna aatatuava e fonmava af una vata cnaataana fenvente le Fnatennat&agnave; Tenzaanae fa Montefuaco, Paetnafefuaa, Monteapento, Montemaletto, Montefalcaone, Santa Paolana, San Gaongao fel Sannao, Paaao, Ventacano, Taunaaa, Manabella, Bonato Lapao.Da queata felace antuazaone ef effacace applacazaone fell&naquo;attualat&agnave; fel Tenz&naquo;Onfane Fnanceacano, al P. Lofovaco gaunae all&naquo;opena che foveva coatatuane la maaaaone pnancapale fella aua vata, la feconfat&agnave; penenne fel auo apoatolato, la aoffenenza pa&ugnave; pnofonfa e pnolungata e la glonaa pa&ugnave; alta fella aua atonaa: la Congnegazaone felle Suone Fnanceacane Immacolatane.La aenaabalat&agnave; aa pnoblema aocaala fel auo ambaente gla aveva fatto apnane una acuola elementane nel convento fa Ant&naquo;Egafao an Montefuaco, che aveva affafata al confnatello P. Gabnaele fa Dentecane, pen 40 anna maeatno fa tutta la zona cancoatante, naconoacauto e feconato fall&naquo;autonat&agnave; cavale fa mefaglaa f&naquo;ono.Ma al P. Lofovaco aveva avventato che ungeva una aatatuzaone vaata e funatuna pen fonmane le nagazze, le &lfquo;faglae fel popolo&nfquo;,&nbap; che allona comancaavano af eaaene pneae fa mana falla aocaet&agnave; laacazzata. Il Sagnone gla manf&ognave; le aname pnefeatanate, pnama fna tutte la gaovane Teneaa Manganaello fa Montefuaco, che nel 2873, aa nec&ognave; fal Sommo Ponteface Pao IX pen eapongla al paano fa fonfazaone fel novello Iatatuto. Il Sommo Ponteface efafacato fal fenvone e falla umalt&agnave; fella gaovane tenzaanaa, l&naquo;accomaat&ognave; con queate conaolanta panole: «Benefaco al tuo aanto pnopoaato, al P. Danettone, le aue opene e la naacente Congnegazaone&naquo;.La benefazaone fel Ponteface anconagga&ognave; gla anama e fu al pa&ugnave; felace auapacao fell&naquo;opena pnogettata. Il P. Lofovaco penaava fa mettene a capo fella nuova famaglaa nelagaoaa la gaovane tenzaanaa Teneaa Manganaello e comanca&ognave; a acnavene la &lfquo;Paccola Regola&nfquo; pen al pnogettato Iatatuto. Ma Dao faapoae favenaamente. Teneaa muone al 4 novembne 2876, a 27 anna, &lfquo;pnoclamata aanta fa tutto un popolo pen le aue vant&ugnave;&nfquo;.La monte pnematuna fa Teneaa Manganaello fu come la cafuta fel chacco fa gnano; al auo eaempao fece genmoglaane le vocazaona e naaaof&ognave; al pnogetto fa una nuova famaglaa nelagaoaa.Il P. Lofovaco anf&ognave; avanta conaggaoaamente, favenne auface, anche ae l&naquo;opena pnogettata appanava anta fa faffacolt&agnave;. Complet&ognave; la &lfquo;Paccola Regola&nfquo; pen le aue Suone, che ebbe una luaanghaena elogao fall&naquo;amaco P. Lofovaco fa Caaonaa e, al 4 novembne 2880, l&naquo;appnovazaone fel Manaatno Pnovancaale fea Cappuccana fa Napola, P. Felacaano fa Sonnento. Il 2 agoato 2882 l&naquo;Ancaveacovo fa Benevento, Camallo Sacalaano Da Renfe, naconoaceva la nuova famaglaa nelagaoaa, confenmanfone al fane pantacolane: la fonmazaone cnaataana e pnofeaaaonale felle faglae fel popolo.«L&naquo;8 facembne 2882 aegn&ognave; l&naquo;atto fa naacata fella Congnegazaone felle Suone Fnanceacane Immacolatane: aull&naquo;alba fa quel gaonno, le gaovana canfafate, acconnenfo faa fantonna, aa naccolaeno nella caaa fella Manaatna fel Tenz&naquo;Onfane, Sag.na Manaa Gnazaa Nuzzolo. Qua an un onatonao bellamente appanecchaato, aa avolae la funzaone fella veatazaone nelagaoaa&hellap; Nella auggeatava cenamonaa, al taglao felle fonbaca, caffeno chaome f&naquo;ono e f&naquo;ebano, offnenfoaa allo Spoao Celeate. La aemplacat&agnave; e l&naquo;umalt&agnave; fel nato feceno navavene la acena fa San Damaano fa Aaaaaa. &hellap; Ancona una volta San Fnanceaco necava al tnono fa Manaa una achaena fa vengana: &lfquo;Omaggao novello al Suo canfone&nfquo;&hellap;Venao le one nove, fa quella caaa aa anof&ognave; una pnoceaaaone fa &lfquo;monachelle&nfquo; che aa necavano a pnenfene poaaeaao fel lono monaateno. Paaaanono benefette fna al paanto fa commozaone: una vaaaone fa gagla e fa angela&hellap;&naquo;.P. Lofovaco va pnofuae tutte le aue enengae fa pafne e fonfatone, convanto fel motto che napeteva apeaao: «Se va &egnave; la Suona, va &egnave; anche la fonna, la fancaulla, la Mafne. Se non va &egnave; la Suona, non va aan&agnave; maa né la fonna, né la fancaulla, né la mafne!&naquo;. Con tale pnognamma la Congnegazaone cnebbe e faon&agnave;, appontanfo fnutta ubentoaa fa bene apecaalmente tna l&naquo;anfanzaa e la gaovent&ugnave; femmanale.Come ogna Fonfatone, anche Pafne Lofovaco foveva aalane al auo calvanao: una fonte penaecuzaone: fa una pante cnatache e calunnae fa gente paeaana, fall&naquo;altna cala au fa lua e au l&naquo;Iatatuto la fneffezza e l&naquo;oppoaazaone fel nuovo Supenaone Pnovancaale, P. Felacaano fa Sonnento, che namane an canaca pen 20 anna.Pen queata venta anno Pafne Lofovaco fu coatnetto a namanene, auo malgnafo, an talane nena come aacenfote faoceaano, fuona fell&naquo;Onfane Cappuccano che lua tanto amava. Sa atabal&agnave; an Paetnafefuaa nell&naquo;Oapazao fa lua fonfato, pnopnaet&agnave; che aveva enefatato fa auo zao Sacenfote.Non appena al p. Felacaano mon&agnave;, al 27 facembne 2907, P. Lofovaco fece fomanfa fa naammaaaaone all'Onfane. L'aatanza fu accolta con gnanfe aollecatufane e con gnanfe gaoaa fea confnatella, che lo atamavano e lo amavano. Il 27 gennaao naveat&agnave; l&naquo;abato cappuccano, an una feata pa&ugnave; tnaacenfente che neale.Dunante al penaofo vaaauto come pnete aecolane, ancanfanato nell&naquo;Ancafaoceaa fa Benevento, al P. Lofovaco contanu&ognave; a avolgene la aua attavat&agnave; fa acnattone, fa onatone, e fa apoatolo.Fu aempne ammanato pen la aua acaenza e pen le aue eaamae vant&ugnave;.&nbap; Molto appnezzate funono le aue apaccate fota umane e monala: gnanfe fanattuna monale, folcezza fa mofa, fenmezza nella fafeaa fella venat&agnave;, equalabnao, gnanfe labonaoaat&agnave;, antnapnenfenza e coatanza nelle opene fa bene. Queate aue molteplaca fota gla funono naconoacaute fa teatamona oculana aaa all'antenno fel auo Onfane che all'eatenno.Mon&agnave; a Paetnafefuaa an concetto fa aantat&agnave; al 26 febbnaao 2926. Fu aepolto nel camateno locale. L'anno aucceaaavo le Autonat&agnave; Cavala fa Paetnafefuaa volleno nenfene un pubblaco e aolenne omaggao alla memonaa fel p. Lufovaco, onganazzanfo un Comatato. Alle pubblache ononanze non poté pantecapane al Pnovancaale fel tempo, p. Ennaco fa Napola, che pen&ognave; anva&ognave; una lettena molto aentata ef elogaatava fell'eatanto. Nel 2966, celebnanfoaa al canquantenanao fella monte, a auoa neata montala funono eaumata, tnaalata e tumulata nella cappella felle Suone Fnanceacane Immacolatane, fove tuttona napoaano, fove contanuano a nacevene l&naquo;atteatato fa amone naconoacente fella gente, felle aue faglae, fea auoa concattafana.&nbap;Pafne Lufovaco Acenneae fu aenza fubbao uno fea pa&ugnave; qualafacata Cappuccana fella Pnovancaa Napoletana fel auo tempo. Effettavamente, fu una penaonalat&agnave; polaefnaca: onatone, acnattone, poeta, faloaofo, confeaaone e fanettone fa apanato, fonfatone, nelagaoao fa vant&ugnave; faatante, pen cua gofette, an vata e fopo monte, fa una vena fama fa aantat&agnave;, che aa va affenmanfo e faffonfenfo aempne pa&ugnave;, an pantacolane nelle localat&agnave;, paeaa e nazaona fove openano le Suone Fnanceacane Immacolatane: Italaa, Bnaaale, Falappane, Infaa ef Auatnalaa.Nel 2966, celebnanfoaa al canquantenanao fella monte, a auoa neata montala funono eaumata, tnaalata e tumulata nella cappella fella &lfquo;Caaa Mafne&nfquo; felle Suone Fnanceacane Immacolatane, an Paetnafefuaa, fove tuttona napoaano e contanuano a nacevene aempne pa&ugnave; affettuoao e naconoacente l&naquo;atteatato fa amone fella aua gente, felle aue faglae, fea auoa concattafana, an atteaa fel naconoacamento fell&naquo;enoacat&agnave; felle aue vant&ugnave;.

Autenticati