autismo 552235.610x431 20170214154522.s

Rispettare le abilità e i talenti di tanti ragazzi e giovani autistici. Le istituzioni, le associazioni e i professionisti dovranno relazionarsi tra loro per garantire a queste persone un futuro. È questo l’obiettivo del convegno ‘Risorse e vulnerabilità del soggetto autistico. Quali sfide per il terapeuta e la famiglia?’, organizzato dall’Università ‘La Sapienza’, dall’associazione Oisma e dall’Istituto di Ortofonologia (IdO) il 14 giugno a Roma (nell'aula Cesare Gerin, Piazza Aldo Moro 5).

“Ebbene sì- spiega Rosaria Ferrara, presidente dell’Osservatorio italiano studio e monitoraggio autismo (Oisma)- i soggetti autistici hanno dei talenti che a volte non riescono a far emergere, perché le abilità sociali sono poco stimolate o perché l’ambiente circostante non riconosce che determinate ripetizioni, determinati comportamenti potrebbero segnalare un talento particolare. Dobbiamo sempre tenere a mente, quando parliamo di autismo, della definizione che ne ha dato Donna Williams: ‘L’autismo è la storia di due battaglie, una per tenere fuori il mondo e un’altra per raggiungerlo’”.
Il mondo per i soggetti autistici, continua Ferrara, “è rassicurante solo tramite stereotipie e una buona dose di ripetitività. Per questo è fondamentale lavorare con il soggetto autistico, ma anche con l’ambiente circostante e far comprendere che le loro particolarità non sono il segno di un meno, ma il segno di una ‘diversità’”. A testimonianza di ciò sarà presente al convegno Debra Chwast, madre di Seth Chwast, ragazzo autistico e artista di indiscusso talento e bravura.
“Insomma- conclude la presidente di Oisma- di buoni motivi per partecipare al nostro convegno ce ne sono: sarà possibile ascoltare relatori venuti in Italia dall’altra parte dell’Oceano; sarà possibile conoscere la realtà dell’Oisma e di cosa offre a livello di ricerca e di servizi nell’autismo; saranno presenti professori e portavoci di altre importanti realtà sull’autismo”. Per chi è interessato è possibile ritirare un attestato di partecipazione a fine mattinata, ma è obbligatorio prenotarlo al sito Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Saranno presenti, tra gli altri, Magda Di Renzo, responsabile del Servizio Terapie dell’IdO; Enrico Nonnis, neuropsichiatra infantile e direttore del Dipartimento di Salute mentale della Asl Roma 3; Gianni Carbone, professore de La Sapienza; la psicoanalista sudamericana Monica Nicola; Patrizia Bonaventura, docente dell’Università di Monmouth (Usa); Paola Binetti, sentarice Udc e neuropsichiatra infantile.